Quando penso alle professioni di aiuto e all’insegnamento dello yoga, trovo difficile trovare una professione così dettata dai social come la nostra.

Sebbene i social siano una piattaforma di marketing utile per promuovere il nostro lavoro, l’attenzione prestata alle prestazioni e all’estetica ci porta in una spirale di confronto sistematico. È come se ci mancasse sempre un’competenza importante. Trasmettono l’idea che possiamo sempre essere una versione migliorata di noi stessi.

Il mio mentoring potrà aiutarti ad avere uno sguardo obiettivo e benevolo sulle tue pratiche e a tracciare il tuo percorso. La mia intenzione è quella di guidarti verso un’insegnamento di qualità rendendo la tua carriera soddisfacente (il numero dei tuoi follower non è in alcun modo un indicatore a cui riferirsi!).

In generale, lo yoga è un’attività non regolamentata. Sebbene esistano organismi di accreditazione come Yoga Alliance, fanno poco per regolamentarlo. La supervisione va esattamente in questa direzione. Non solo ci consente di lavorare sul nostro sviluppo professionale per garantire che sia in linea con i nostri obiettivi e valori personali, ma promuove anche una maggiore responsabilità in tutta la professione.

Nel mondo dello yoga non ci piace parlare di obiettivi o di carriera perché li consideriamo provenienti dal mondo capitalista. Tuttavia, lo yoga oggi è diventato un’industria, spesso fonte di confusione. E per andare avanti con integrità, è importante disporre di un quadro che ci permetta di operare entro i suoi limiti. Questo ci permette di sviluppare un vero senso di autorealizzazione che alimenta la nostra gioia e la nostra realizzazione personale e professionale.

Responsabilità e autoregolamentazione sono importanti perché rendono la professione più sicura per noi stessi e per i nostri allievi. Sono convinta che il suo sviluppo creerà un vero cambiamento culturale nello yoga contemporaneo al fine di promuovere i valori di accessibilità, di rispetto e di benessere che tanti insegnanti e allievi cercano.

Ecco 5 buoni motivi per iscriverti al mio gruppo di mentoring:

  1. C’è un abisso tra la fine della formazione 200 ore e i nostri primi inizi come insegnante. Alcuni insegnanti troveranno rapidamente il loro ritmo mentre altri metteranno rapidamente in dubbio la loro decisione di insegnare. Grazie a strumenti specifici, la supervisione ti permetterà di trovare e affinare il tuo stile riflettendo su queste domande: che insegnante speciale sono? qual è la mia offerta unica?

  2. Il mentoring ti aiuterà a superare le tue paure, i tuoi meccanismi di sabotaggio, le tue convinzioni che limitano il tuo sviluppo professionale. Se stai prosperando, ti aiuterà anche a rimanere allineat* con i tuoi valori e ad evitare di essere sfruttat*.

  3. Il mentoring ti permetterà anche di adattare le tue azioni come insegnante, vale a dire i tuoi metodi di lavoro, le tue capacità, la tua etica così come i tuoi potenziali dilemmi. Al momento dell’avvio della tua attività, sarà prezioso in particolare sulle questioni imprenditoriali (offerta commerciale, prezzi, posizionamento, approccio commerciale, ecc.).

  4. Il mentoring ti permetterà anche di estrarti dalle situazioni professionali che vivi sul piano intellettuale ed emotivo e di mobilitare nuove risorse.

  5. Una volta diventat* un insegnante espert*, il mentoring ti permetterà di pensare a come rimanerlo o evolvere.
Se hai voglia di saperne di più:
  • Scopri il mio programma di mentoring! Se ti iscrivi prima del 21 luglio 2024, potrai beneficiare del 30% di sconto! Partecipa alla sessione di prova gratuita che avrà luogo in diretta streaming su zoom venerdì 19 luglio 2024 dalle 9.00 alle 10.30. Prenota il tuo posto scrivendomi a info@restorativeyoga.it
  • Per formarti al Restorative Yoga, scopri le mie formazioni.