Non importa la vostra età, la vostra condizione fisica o il vostro stato di salute, non esiste una buona ragione per non provare il restorative yoga! È una pratica adatta a tutti! Chiunque può praticarlo: anziani, atleti, manager… Ad oggi il restorative yoga è uno dei rimedi più efficaci per combattere lo stress, la depressione e i dolori cronici. 

Allora, perché il restorative yoga è così efficace ma allo stesso tempo così poco conosciuto e diffuso in Italia?

Beh, semplicemente perché il restorative yoga ci insegna a stare piuttosto che a fare. In una società in cui l’azione e la performance sono preferite, il restorative yoga può spaventare: ci si ritrova nel silenzio di fronte a se stessi. Ma una volta che abbiamo provato il restorative yoga, non c’è più dubbio, non si può più tornare indietro! Mantenere delle posture passivamente con l’aiuto di molti supporti, è semplicemente il nirvana! Esistono anche posizioni talmente piacevoli che non vorremmo neanche lasciarle. Procurano un vero piacere mentre, al giorno d’oggi, la sofferenza è spesso sopportata per raggiungere i propri obiettivi, tra cui anche quello di sentirsi meglio.

Allora che cos’è questo frutto proibito? Si tratta semplicemente di una meditazione unita ad un rilassamento fisico che crea un profondo completo rilassamento. Il rilassamento del corpo è ottenuto attraverso l’utilizzo di supporti come bolsters, coperte, mattoni, cinghie, sedie …. al fine di permettere ad alcune articolazioni di essere piegate leggermente e così di eliminare le tensioni muscolari.

L’uso dei supporti ha anche lo scopo di riprodurre le sensazioni del tatto, che consentono al sistema nervoso di calmarsi immediatamente. Come i neonati, avvolgiamo le persone in modo tale che si sentano pienamente supportate e che si possano concedere di “lasciare la presa” e giungere ad un rilassamento totale, rigenerante.

Riduciamo la stimolazione sensoriale per calmare la mente e il sistema nervoso: spegniamo le luci, le persone sono coperte perché non ci si può rilassare se si sente freddo! Le sessioni si svolgono nel silenzio e nella calma. Appoggiamo anche un cuscinetto di seta sui nostri occhi chiusi per indurre il riflesso oculo-cardiaco che permette di ridurre la frequenza cardiaca.

A differenza dello yoga dinamico, vengono mantenute soltanto tre o quattro posizioni per un periodo che va dai 5 ai 25 minuti ciascuna, generalmente inclinate a 45 gradi, supine o invertite. Le posizioni invertite aiutano a ridurre la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna grazie al riflesso barocettivo e quindi a raggiungere una vera pace interiore. 

Ogni postura di restorative yoga tocca una parte del nostro sé emotivo. Ognuno di noi ha diverse parti ferite. Quando, attraverso una postura di restorative, andiamo all’archetipo di quello che è stato ferito dentro di noi, questo ha un notevole potere di guarigione. 

Quindi, il restorative yoga è davvero l’arte del rilassamento! Quando il corpo è totalmente rilassato e riposato, riacquista i suoi poteri di auto-guarigione a livello fisico ed emotivo. Questi benefici sono confermati dalle ultime ricerche scientifiche sull’argomento.

Allora, cosa aspettate a provare?