Le persone vengono alle nostre lezioni di yoga per tutta una serie di motivi. Come insegnanti, possiamo svolgere il ruolo di coach sportivo, life coach, prete, terapeuta, medico e talvolta anche consulente finanziario dei nostri allievi. È importante esserne consapevoli. Le nostre azioni e i nostri interventi sono importanti e possono essere dannosi. Per questo è indispensabile prendere coscienza del processo che ha originato e alimenta la nostra vocazione, affinché non interferisca con il nostro insegnamento.

Uso la parola processo perché è uno studio di sé continuo (svadyahya in sanscrito) in cui siamo curiosi e onesti con noi stessi e con la nostra umanità. Qui non stiamo cercando la perfezione o l’illuminazione. Ma esploriamo ciò che ci motiva ad insegnare, e lo facciamo con grande compassione per noi stessi. È così che diventiamo insegnanti di yoga.

Parte del requisito della mia formazione iniziale di coaching era sottopormi ad una terapia e alla supervisione. La supervisione mi ha aperto gli occhi su tutti i modi insidiosi in cui il mio passato stava interferendo con i miei coaching e le mie lezioni. Tuttavia, il professionista di aiuto deve fare del suo meglio per mantenere uno spazio neutrale in cui il suo inconscio non ostacoli il processo del cliente. La sua terapia personale è lì per aiutarlo a lavorare sul suo passato.

Come coach o insegnante di yoga, creiamo e manteniamo uno spazio per gli altri. Il modo in cui agiamo è fortemente influenzato dal nostro processo personale. Se stiamo cercando amore, rispecchiamento positivo o accettazione da parte dei nostri allievi o clienti, allora i nostri vecchi schemi di comportamento guideranno il nostro insegnamento. Se il nostro insegnamento è inconsciamente guidato da questi bisogni insoddisfatti, il nostro studio di yoga diventerà uno spazio in cui risolviamo i nostri problemi personali piuttosto che uno spazio sicuro in cui i nostri allievi possono risolvere i loro.

In effetti, se cerchiamo la popolarità o l’amore per sentirci accettati o amati, questo ci impedirà di prendere rischi o di confrontare i nostri allievi per paura di non piacere più a loro. Lasciando andare questo bisogno, il nostro insegnamento diventa più onesto e autentico.

Transfert e controtransfert

Nell’ambito della relazione di insegnamento esiste anche un processo chiamato transfert mediante il quale i desideri inconsci dell’allievo si attualizzano sulla persona dell’insegnante.

In generale, il transfert avviene non appena una persona pensa di ottenere da un’altra una soddisfazione nel momento presente dei bisogni arcaici del suo “bambino interiore” che non aveva in quantità o qualità da coloro che lo circondavano.

L’allievo, inconsapevolmente, sposta sull’insegnante affetto (transfert positivo) o ostilità (transfert negativo); questi vari sentimenti sono infatti una ripetizione di affetti vissuti durante l’infanzia.

Nell’insegnamento, il transfert nasce fin dalle prime lezioni, quando l’allievo immagina che l’insegnante gli infonderà la sua forza e gli porterà soluzioni al suo malessere. Diventa una persona che dovrebbe sapere cosa fare per stare meglio.

Il controtransfert è l’insieme delle manifestazioni dell’inconscio dell’insegnante in relazione a quelle del transfert del suo allievo.

Il controtransfert avviene sempre. Siamo tutti umani e il nostro passato influenza le nostre percezioni presenti. Lo yoga è una pratica che ci aiuta a sviluppare la consapevolezza di sé in modo da non essere più gravati dal nostro passato. Come insegnanti di yoga, è nostra responsabilità essere il più possibile presenti a noi stessi e ai nostri allievi. Essere consapevoli di ciò che ci attiva è la chiave per insegnare con chiarezza e integrità.

Essere accompagnati è vitale

Tutto ciò che facciamo nel nostro ruolo di insegnanti deve servire i nostri allievi. I nostri bisogni personali dovrebbero essere soddisfatti al di fuori delle nostre lezioni di yoga.

Non c’è niente di sbagliato nel desiderare l’amore e l’accettazione, questi sono bisogni umani fondamentali! Tuttavia, dobbiamo soddisfare questi bisogni nelle nostre relazioni personali e nella nostra relazione con noi stessi.

Credo sinceramente che se non siamo personalmente impegnati in un lavoro di autoriflessione, è molto facile cadere in un insegnamento guidato dal nostro inconscio.

L’anno scorso ho creato un gruppo francese di mentoring per insegnanti di yoga. La mia intenzione era quella di creare uno spazio sicuro in cui tutti potessero parlare del loro processo. I partecipanti hanno potuto esprimere il loro sollievo nel vedere altri insegnanti alle prese con gli stessi problemi e quanto fosse incoraggiante avere uno spazio aperto e sicuro per affrontarli.

Quando ci sentiamo più a nostro agio con le nostre paure, le nostre vecchie ferite e le nostre false credenze, diventano meno forti. Se, invece, li allontaniamo perché vogliamo apparire al mondo in un certo modo, allora limitiamo la ricchezza di ciò che possiamo offrire ai nostri allievi. Più siamo in uno spazio di autoaccettazione, più ispireremo i nostri allievi ad amarsi.

E se abbiamo un posto nella nostra vita per elaborare quei sentimenti, allora è meno probabile che permettiamo loro di guidare il nostro insegnamento. Saranno sempre presenti, ma sul sedile posteriore piuttosto che al posto di guida!

 

Se hai voglia di saperne di più:
  • Scopri il mio programma di mentoring! Se ti iscrivi prima del 21 luglio 2024, potrai beneficiare del 30% di sconto! Partecipa alla sessione di prova gratuita che avrà luogo in diretta streaming su zoom venerdì 19 luglio 2024 dalle 9.00 alle 10.30. Prenota il tuo posto scrivendomi a info@restorativeyoga.it
  • Per formarti al Restorative Yoga, scopri le mie formazioni